New Thread
Reply
 
Previous page | 1 2 3 4 5 | Next page
Vote | Print | Email Notification    
7/12/2004 4:07 PM
 
Quote

Beh..inevitabile direi...quasi scontato!
CHI non ha letto questo capolavoro??

:Sm17 :Sm17
Email User Profile
Post: 1,632
Gender: Male
OFFLINE
7/12/2004 8:36 PM
 
Quote

Letto, letto. Anche se un po' in ritardo visto che mi sono avvicinato al libro quando ho saputo che ne avrebbero fatto un film[SM=x494530]

Incredibile per molti versi è, secondo me, tuttora inequagliato.

Ma Jordan si avvicina molto.

-------------
Tai'shar Manetheren.

Los Valdar Cuediyari! Los! Carai an Caldazar! Al Caldazar!
Email User Profile
OFFLINE
7/12/2004 9:04 PM
 
Quote

certo, letto un paio di volte, lui e le opere correlate. Travalica il fantasy, è epica.
Email User Profile
OFFLINE
7/12/2004 9:57 PM
 
Quote

Letto due volte e visto tutti e tre i film. In più sono in possesso dei primi due cofanetti del film in edizione 4 dvd [SM=x494535]
7/13/2004 9:08 AM
 
Quote

Re:

Scritto da: RukawaZ 12/07/2004 21.57
Letto due volte e visto tutti e tre i film. In più sono in possesso dei primi due cofanetti del film in edizione 4 dvd [SM=x494535]


Grande! [SM=x494523]
Anche io! Però l'ho letto almeno 5 volte.............[SM=x494542]

Email User Profile
Post: 1,632
Gender: Male
OFFLINE
7/13/2004 3:11 PM
 
Quote

Re: Re:

Scritto da: PerrinAybara 13/07/2004 9.08

Grande! [SM=x494523]
Anche io! Però l'ho letto almeno 5 volte.............[SM=x494542]


-------------
Tai'shar Manetheren.

Los Valdar Cuediyari! Los! Carai an Caldazar! Al Caldazar!
Email User Profile
Post: 608
Gender: Male
OFFLINE
7/20/2004 4:18 PM
 
Quote

Tolkien vs Jordan?
Leggendo i vostri messaggi la domanda è sorta spontanea: Tolkien o Jordan?
E’ difficilissimo per me venire a capo di questa matassa ma alcune premesse sono doverose..
Il mio avvicinamento alla letteratura fantasy è avvenuto grazie a Tolkien al quale devo moltissimo. Tentai di leggere Il signore degli Anelli all’età di 13 anni ma evidentemente era troppo presto… piantai il tutto a pagina 50 o giù di lì e lascia la lettura con un immagine degli hobbit molto vicina ad una strana specie di conigli, fate voi! Di Tolkien non ho letto tutto ma quasi: due volte il signore degli Anelli, una volta Silmarillion (bellissimo….), Lo Hobbit e i racconti perduti (non ho letto invece ritrovati e incompiuti). Che dire? Penso che lo stile narrativo di Tolkien sia unico e profondamente diverso da Jordan, davvero tanto. Sinceramente una volta terminata la lettura de Il signore degli anelli ero davvero in crisi..: cercavo disperatamente qualcosa che potesse regalarmi emozioni legate a personaggi tanto profondi e che potesse rendermi quell’effetto di romanzo storico (come ho accennato in un altro messaggio) pur trattandosi di un romanzo fantasy. Inutile: ho tentato con Brooks (ne parlerò meglio in un altro messaggio appena ho due minuti..) ma nulla, ho lasciato tutto prima di finire il ciclo della spada si Shannara. Poi ho trovato per caso Jordan in libreria, ho preso il primo libro e l’ho letteralmente divorato. Non era Tolkien, secondo me non siamo a quei livelli, ma rendeva benissimo, bello, pieno di azione, una trama snocciolata a dovere, senza pezzi morti e abbastanza originale (per quanto si possa essere originali in campo fantasy).
Che dire? Sono due autori completamente diversi, vissuti in periodi diversi e in contesto letterario diverso. Tolkien arriva per primo a dare vita ad un nuovo genere, attingendo da saghe, opere anglosassoni e norrene, crea un precedente con uno stile narrativo piuttosto classico. Ora non voglio tributare a Tolkien dei meriti solo per essere stato il primo, bensì per aver creato un modo davvero complesso e completo dedicandoci praticamente tutta la sua vita. Forse il fatto che fosse professore di letteratura ad Oxford e di lingue morte non è stato determinante ma penso che sia partito con una conoscenza di base non comune a tutti. Pensiamo solo alle lingue che è riuscito a creare, l’elfico in tutte le sue varianti, un geografia complessa che cambia col tempo, qualche millennio di storia che include popolazioni diverse, genealogie, stirpi reali, insomma un lavoro non improvvisato che ha richiesto anni di lavoro e dedizione. Non so se riuscirò in futuro a leggere qualcosa di simile. Jordan arriva parecchio dopo quando anche altri si sono già cimentati in romanzi fantasy e quando il genere fantasy ha raggiunto un’era più moderna, con altri linguaggi, altre figure e uno stile narrativo che premia l’azione sacrificando spesso quel lato umano che ti faceva “vivere” i personaggi, non so se riesco a spiegarmi. Ma ben venga anche questo! Ho letto i primi libri tutti di un fiato, si leggono che è un piacere, non ci sono mai punti morti, non passano due pagine senza che accada qualcosa e riesce sempre a sorprendermi, poco prevedibile e il che non è poco. Hai il libro in mano e non ti staccheresti mai dal leggerlo per “vedere cosa succede”, e fremi per le uscite dei libri successivi per “vedere come va a finire”. Ci dite niente?
Tirando le somme: difficile un confronto tra i due perché secondo me siamo proprio in due epoche fantasy diverse, molto diverse. Come tentare di fare un paragone Manzoni ad U.Eco, tanto per fare un esempio. Ma se proprio dovessi esprimermi direi Tolkien, è riuscito a commuovermi e fino ad ora ci sono riusciti davvero in pochi!
E per finire, scusate la lunghezza del post![SM=x494537]
Email User Profile
OFFLINE
7/22/2004 10:26 PM
 
Quote

sinceramente penso che tolkien vinca in quanto a capacità descrittiva. I suoi personaggi però secondo me non brillano in quanto a profondità psicologica. Non si può dire che siano veri e propri tipi fissi dato che tolkien è colui che i modelli li ha dettati, però....
in ogni modo T è il fondatore, quindi il sda è il manifesto del genere e penso sia inutile paragonarlo ad autori contemporanei.
Personalmente mi limito a dire che quando l'ho letto a dodci anni mi è piaciuto da impazzire, a sedici meno, a 24 (l'anno scorso), mi ha fatto meno effetto. Non ditemi che è a causa della rilettura, pure con jordan sono alla terza eppure il giudizio, se possibile, migliora
Email User Profile
OFFLINE
7/26/2004 12:30 PM
 
Quote

Re:

Scritto da: frankifol 22/07/2004 22.26
Personalmente mi limito a dire che quando l'ho letto a dodci anni mi è piaciuto da impazzire, a sedici meno, a 24 (l'anno scorso), mi ha fatto meno effetto. Non ditemi che è a causa della rilettura, pure con jordan sono alla terza eppure il giudizio, se possibile, migliora



Io ho letto il SDA quando avevo 11 anni e lo rileggo una volta l'anno da allora...

Tolkien vince a mani basse.

Una precisazione, Tolkien non è il primo.
Nel 1922 è stato pubblicato il Serpente Ouroboros (si legge Ougobogos) di Eric Rucker Eddison. Questa opera contiente tutti gli elementi della fantasy, di Eddison, Tolkien stesso dirà:
"è il più grande e convincente scrittore di mondi inventati che io abbia mai letto"
A tutti gli effetti, Eddison è il primo. Se Tolkien è il padre della Fantasy, Eddison ne è il "nonno"
Nel 1934 Tolkien pubblica "Lo Hobbit", in ritardo di 12 anni rispetto a Eddison, poi si devono aspettare gli anni 50 per la trilogia SDA
Se Eddison è il nonno e Tolkien è il Padre, C.S. Lewis, contemporaneo di Tolkien, è lo "zio della Fantasy". Infatti pubblica nel 1938 "Out of the silent Planet", un'opera di Fantasy improntata sul teologico. Pubblica altri due volumi di quella serie negli anni 40. Dal 1950 al 1956 pubblica i 7 volumi di fantasy per ragazzi "Cronache di Narnia", un ciclo molto bello e adatto anche ad un pubblico adulto.
Aggiungo anche che Lewis e Tolkien si sono influenzati molto a vicenda in quanto amici, colleghi in università e appartenevano entrambi al famoso circolo degli Inklings. Per questi motivi lo definisco lo "zio".

Spero di non avervi tediato con questo breve escusus storico, ma ci tenevo a precisare.

Francis

[Modificato da foggy1981 26/07/2004 12.31]

Email User Profile
OFFLINE
7/26/2004 1:24 PM
 
Quote

se vogliamo essere precisi , merrit ha scritto la serie del pozzo della luna nel 1919. Magari è un po' più vicino alla fantascienza ma non poi cosi tanto. Le sue novelle invece, sempre dello stesso periodo, sono più maracatemete fantasy.

Cmq il serpente ouroboros è un bel libro, ancora una volta grazie alla fanucci
Email User Profile
Post: 838
Age: 46
Gender: Male
OFFLINE
7/26/2004 3:33 PM
 
Quote

Non lapidatemi!
So che dirò qualcosa di molto impopolare. A differenza di molti di voi ho lettti il SdA solo da pochi anni e devo dire che non l'ho trovato questa grande opera. Soprattutto la prima parte l'ho trovata di una noia davvero mortale. [SM=x494533]. Ma daltronde io ho conosciuto il fantasy grazie a Jordan. [SM=x494549]



Emotion skittered uncontrollably around the Void that surrounded him inside, the emptiness that was not empty, the emptiness filled with the Power.


Tai'shar Manetheren
Email User Profile
Post: 173
Age: 31
Gender: Male
OFFLINE
8/4/2004 1:05 PM
 
Quote

Re: Tolkien vs Jordan?

Scritto da: memphistoftm 20/07/2004 16.18
Il mio avvicinamento alla letteratura fantasy è avvenuto grazie a Tolkien al quale devo moltissimo. Tentai di leggere Il signore degli Anelli all’età di 13 anni ma evidentemente era troppo presto… piantai il tutto a pagina 50 o giù di lì e lascia la lettura con un immagine degli hobbit molto vicina ad una strana specie di conigli, fate voi! Di Tolkien non ho letto tutto ma quasi: due volte il signore degli Anelli, una volta Silmarillion (bellissimo….), Lo Hobbit e i racconti perduti (non ho letto invece ritrovati e incompiuti). Che dire? Penso che lo stile narrativo di Tolkien sia unico e profondamente diverso da Jordan, davvero tanto. Sinceramente una volta terminata la lettura de Il signore degli anelli ero davvero in crisi..: cercavo disperatamente qualcosa che potesse regalarmi emozioni legate a personaggi tanto profondi e che potesse rendermi quell’effetto di romanzo storico (come ho accennato in un altro messaggio) pur trattandosi di un romanzo fantasy. Inutile: ho tentato con Brooks (ne parlerò meglio in un altro messaggio appena ho due minuti..) ma nulla, ho lasciato tutto prima di finire il ciclo della spada si Shannara. Poi ho trovato per caso Jordan in libreria, ho preso il primo libro e l’ho letteralmente divorato. Non era Tolkien, secondo me non siamo a quei livelli, ma rendeva benissimo, bello, pieno di azione, una trama snocciolata a dovere, senza pezzi morti e abbastanza originale (per quanto si possa essere originali in campo fantasy).
[SM=x494537]



Incredibile come il tuo percorso sia proprio lo stesso che ho effettuato io. Cambia solo il fatto ke alla ricerca di un libro emozionante come isda abbia provato pure martin (e mi riprometto in futuro di riprenderlo...) e l'ho accantonato subito, essendo parte di un sottogenere del fantasy contemporaneo che si distacca dal classico verso una tendenza medievaleggiante ( e sinceramente non mi piaceva... per questo non mi sono ancora avvicinato a gemmell...).
Cmq un tolkienano cm me non può ke considerare tolkien una spanna sopra jordan in particolar modo perchè pioniere di un genere, coraggioso a scrivere un romanzo cm isda ad inizio novecento (grazie grazie tolkien....), cultore della parola scritta. Jordan cmq mi sta dando tante emozioni e mi sta veramente avvicendo...



8° peccato capitale spoiler non segnalato!
Email User Profile
OFFLINE
9/28/2004 9:32 PM
 
Quote

Caratterizazione psicologica dei personaggi
leggendo in un altro post mi viene in mente l'argomento del titolo...

secondo voi i personaggi del sda sono tipi fissi o sono originali e caratterizzati psicologicamente in maniera profonda?

secono me sono tutti "apparentement"e tipi fissi.Apperentemente perche mi chiedo se può il primo essere essere definito tipo fisso perchè quelli che sono venuti dopo hanno copiato.
In ogni modo in fondo in fondo non mi paiono personaggi con dissidi molto personali...frodo è il tipico antieroe che fa le cose perdchè deve, sam lo scudiero, aragorn il re decaduto etc etc

voi che ne dite?

[Modificato da frankifol 28/09/2004 21.35]

[Modificato da frankifol 28/09/2004 21.36]

Email User Profile
Post: 1,632
Gender: Male
OFFLINE
9/29/2004 11:37 AM
 
Quote

All'interno della storia rientrano facilmente nella categoria dei tipi fissi ma già nel viaggio verso la contea, gli hobbit risultano cambiati.


Boromir, Gandalf, Aragorn, Gimli e Legolas subiscono dei cambiamenti ma in personalità forti e già ampiamente formate questi risultano di minor impatto.


Gli Hobbit, tornanto alla Contea, si ritrovano a casa ma casa è diversa e lo sarà per sempre.

Nel libro non si nota molto, nelle appendici già di più.
Leggete la fine delle Appendici B e vi farete un'idea

-------------
Tai'shar Manetheren.

Los Valdar Cuediyari! Los! Carai an Caldazar! Al Caldazar!
Email User Profile
OFFLINE
9/29/2004 2:51 PM
 
Quote

Quoto Mat.
Gli unici che sembrano realmente "crescere" sono solo gli hobbit, mentre gi altri fanno esperienze nuove, magari si ricredono su alcune persone, ma il loro carattere non viene modificato o almeno a me non è sembrato che ci fossero dei cambiamenti sostanziali.

Io l'ho letto 4 volte, molto prima dell'uscita dei films, rimane sempre uno di quei libri che fa piacere rileggere, anche se trovo tolkien troppo prolisso in alcune parti.
9/29/2004 3:05 PM
 
Quote

Re:

Scritto da: @Polgara@ 29/09/2004 14.51
Gli unici che sembrano realmente "crescere" sono solo gli hobbit,...


Quoto Polgara [SM=x494541]
Tutto tranne la prolissità... [SM=x494534]
Email User Profile
Post: 1,014
Gender: Male
OFFLINE
4/23/2005 9:37 PM
 
Quote

Re:

Scritto da: frankifol 12/07/2004 21.04
certo, letto un paio di volte, lui e le opere correlate. Travalica il fantasy, è epica.



Quoto e straquoto.

----------------------------
Omnia sunt communia.
Email User Profile
Post: 6,340
Gender: Male
.::|Signore del Caos|::.
OFFLINE
4/23/2005 9:46 PM
 
Quote

Re: Re:

Scritto da: Staurophylaktos 23/04/2005 21.37


Quoto e straquoto.



Ma Come !?
Mi aspettavo di leggere un trattato su Tolkien e tu mi scrivi 3 paroline!


.
The amazing thing is that every atom in your body came from a star that exploded. And, the atoms in your left hand probably came from a different star than your right hand.
It really is the most poetic thing I know about physics: You are all stardust.
You couldn’t be here if stars hadn’t exploded, because the elements - the carbon, nitrogen, oxygen, iron, all the things that matter for evolution - weren’t created at the beginning of time. They were created in the nuclear furnaces of stars, and the only way they could get into your body is if those stars were kind enough to explode.
So, forget Jesus. The stars died so that you could be here today.
"A Universe From Nothing" by Lawrence Krauss, AAI 2009 (16:50-17:23)
Email User Profile
Post: 202
Age: 36
Gender: Male
OFFLINE
4/24/2005 4:41 PM
 
Quote

io ho letto 3 volte il sda, 2 il silmarillion e lo hobbit, e una volta i racconti perduti, incompiuti e ritrovati. Secondo me Tolkien ha il merito, oltre che di essere il padre del fantasy, di aver creato un mondo incredibile, che nessuno è riuscito a eguagliare. Non sono d'acordo sul fatto che i personaggi non siano eccessivamente approfonditi; secondo me è più un'impressione che ti viene dalla lettura, che è un po' particolare (il sda è un racconto epico, in certe cose mi ricora più Omero, che non i fantasy moderni). I personaggi sono più distaccati, sicuramente abbastanzza streotipati, ma non per questo meno profondi...pensate a personaggi come Boromir, o Gandalf, o anche Denethor (non il Denethir che si vede nel film, che secondo me è una bestemmia al libro[SM=x494539] ). Si nota inoltre come i personaggi siano o bianchi o neri, non esistono personaggi grigi (gente come Varys, o Ditocorto, per intenderci)e questo è abbastanza caratteristico di un genere epico.

----------------------------------------

Quando i morti tornano a camminare nel buio, che importanza può avere chi siede sul Trono di Spade?
Email User Profile
Post: 1,014
Gender: Male
OFFLINE
4/24/2005 5:04 PM
 
Quote

Re:

Scritto da: oberyn 24/04/2005 16.41
io ho letto 3 volte il sda, 2 il silmarillion e lo hobbit, e una volta i racconti perduti, incompiuti e ritrovati. Secondo me Tolkien ha il merito, oltre che di essere il padre del fantasy, di aver creato un mondo incredibile, che nessuno è riuscito a eguagliare. Non sono d'acordo sul fatto che i personaggi non siano eccessivamente approfonditi; secondo me è più un'impressione che ti viene dalla lettura, che è un po' particolare (il sda è un racconto epico, in certe cose mi ricora più Omero, che non i fantasy moderni). I personaggi sono più distaccati, sicuramente abbastanzza streotipati, ma non per questo meno profondi...pensate a personaggi come Boromir, o Gandalf, o anche Denethor (non il Denethir che si vede nel film, che secondo me è una bestemmia al libro[SM=x494539] ). Si nota inoltre come i personaggi siano o bianchi o neri, non esistono personaggi grigi (gente come Varys, o Ditocorto, per intenderci)e questo è abbastanza caratteristico di un genere epico.



Di nuovo, quoto e straquoto!

----------------------------
Omnia sunt communia.
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 3 4 5 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum

Discussioni Recenti
Annunci



Free Domain at .co.nr Use OpenDNS
Pit of Doom
The Wheel of Time books and franchise are copyright © Robert Jordan. The phrases "The Wheel of Time™" and "The Dragon Reborn™", and the snake-wheel symbol, are trademarks of Robert Jordan.
Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin | Regolamento | Privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:31 PM. : Printable | Mobile - © 2000-2021 www.freeforumzone.com