La Ruota del Tempo Forum dedicato al ciclo fantasy di Robert Jordan "La Ruota del Tempo"

Glen Cook - The Black Company

  • Posts
  • OFFLINE
    Swami Holanwanda
    Post: 488
    Gender: Male
    00 8/23/2010 4:12 PM
    Una chiara fonte di ispirazione per Erikson
    Ho finito i primi otto libri della serie The Black Company di Glen Cook. Sono stati scritti tra metà anni Ottanta e fine anni Novanta da un ex soldato ed ex impiegato in una fabbrica della GM. Ripercorrono la storia di circa quaranta anni di vita di una compagnia mercenaria, the Black Company appunto, in un mondo medioevale. Nulla di eccezionale sul piano della trama, che si sviluppa a colpi di eventi, nè dello sviluppo dei personaggi. Il miglior libro è il primo. Quello che è stato parecchio originale è il punto di vista dei personaggi, che sono comuni mercenari, ed agiscono di conseguenza. Niente principesse bionde (anzi, il primo libro prende proprio in giro questo stereotipo), nobili, unicorni, fate,... ma tante parolacce, allusioni, funzioni corporali in primo piano, parecchia violenza pur senza indulgere in gratuità stile Terry il Buono. Descrizioni ridotte al minimo, inglese facillimo, temi morali presenti ma in modo abbastanza indiretto,le pagine volano. Dialoghi punti di forza, la monotonia dello stile nonostante i cambi di narratore la principale debolezza. Ad un certo punto, siamo partecipi dei pensieri di una entità potentissima e tecnicamente malvagia, ma non ci si accorge veramente della differenza. Mi ero interessato a questi libri per via del forte apprezzamento da parte di Erikson, effettivamente sembra di vedere i marine Malazan. I primi due libri sono parecchio divertenti, con umorismo nero a manetta. Voto sei abbondante (sette al primo libro).


    - The best days are still to come - B. Sanderson -
  • OFFLINE
    semirhage
    Post: 720
    Age: 28
    Gender: Female
    00 8/24/2010 2:34 PM
    Stavo giusto cercando una nuova saga [SM=x494523]




    Ho paura Alice.. Credi che sia diventato matto?
    Oh, temo proprio di si. Ma ti svelo un segreto... Tutti i migliori sono matti
  • OFFLINE
    Master_T
    Post: 654
    Gender: Male
    00 12/6/2010 11:56 PM
    Finito ieri il primo volume.

    Non mi ha entusiasmato più di tanto, ma non perchè sia banale o scritto male (tutt'altro) ma semplicemente perchè non è il mio genere.
    A me nel fantasy piace che ci sia molto world-building e character-development, così come molta attenzione ai dettagli e cura nelle descrizioni.
    Questo libro è l'opposto di tutto ciò: scritto volutamente con taglio spiccio e distaccato tramite una narrazione in prima persona in forma di memoriale militare, risulta più simile al "De Bello Gallico" che a Tolkien. Lo stile asciutto, gretto e militaristico rende bene le atmosfere di un mondo cupo e decadente, ma d'altro canto presenta personaggi appena abbozzati, descrizioni scheletriche e world-building quasi assente.

    Non dico che non sia un buon libro, probabilmente a molti può piacere, ma sicuramente non è per tutti i palati.



    "La migliore carbonara tra la Dorsale del Mondo e l'oceano Arith."

    Jain Farstrider